Il modello degli Stati dell’Io in Analisi Transazionale

EmanueleNews0 Comments

Il modello degli Stati dell’Io in Analisi Transazionale

Secondo l’Analisi Transazionale, le persone coinvolte in una relazione, quand’anche fosse la relazione con sè stesse, agiscono secondo i propri Stati dell’Io.

“Gli Stati dell’Io non sono ruoli, ma sono parti reali, distinte, di ciascuno di noi che, insieme, costituiscono la totalità di noi stessi. Noi ci troviamo sempre nell’uno o nell’altro dei nostri Stati dell’Io.” (Mavis Klein – L’autoanalisi transazionale).

Gli Stati dell’Io sono dei sistemi coerenti di emozioni, sensazioni e pensieri che motivano il corrispondente insieme di modelli di comportamento. Secondo l’Analisi Transazionale, gli Stati dell’Io sono tre: Genitore, Adulto e Bambino.

Ripensate alle ultime ventiquattro ore della vostra vita e dedicate un pò di tempo a focalizzare il vostro modo di comportarvi, di pensare e provare emozioni. Ci sono stati momenti, in questo arco di tempo, in cui vi siete trovati a comportarvi, pensare e sentire in modi che avete copiato tempo fa dai vostri genitori o da altre persone che sono state per voi delle figure genitoriali? O ancora, ci sono stati dei momenti in cui vi siete scoperti ad agire, pensare e sentire esattamente come quando eravate bambini? E infine, vi sarete resi conto, in altre situazioni, di essere esattamente nel qui ed ora, per cui i vostri pensieri, le vostre emozioni ed i vostri comportamenti non erano altro che la risposta coerente alla realtà presente che stavate vivendo? Se avete fatto questo esercizio, avete iniziato a conoscere i vostri Stati dell’Io.

Quando mi comporto, penso e sento in modi che ho appreso dai miei modelli genitoriali, sono nello Stato dell’Io Genitore. E’ la parte genitoriale dell’Io è quella che racchiude e comprende i sentimenti, i comportamenti, le emozioni, gli insegnamenti, gli esempi, gli atteggiamenti ed i valori mutuati ed appresi dai genitori e in generale dalle figure di adulti dai quali si è stati cresciuti ed educati. Quando ci si trova nello Stato dell’Io Genitore, si tende a reagire, interpretare gli eventi e a comportarsi come si è visto fare alle figure genitoriali di riferimento, rievocandolo nella vita presente, il modello appreso da loro. Lo Stato dell’Io Genitore può manifestarsi come GENITORE NORMATIVO che ha funzione di guida, costruzione di regole di comportamento e contenimento, critica, giudizio, svalutazione o punizione o come GENITORE AFFETTIVO la cui funzione è legata maggiormente all’incoraggiamento e alla cura, diventando in alcuni casi iperprotettivo e soffocante.

Tornando al nostro esercizio, quando mi comporto, penso e sento come quando ero bambino, mi trovo nello Stato dell’Io Bambino. Comprende quegli aspetti tipicamente infantili come la spontaneità e l’emotività nonché i comportamenti e le esperienze sperimentate durante l’infanzia. Quando è attivo lo Stato dell’Io Bambino, ci si comporta come quando si era bambini, mettendo in atto le stesse strategie, ed essendo influenzati dalle stesse paure. Il Bambino interiore viene classificato come:
1) Bambino adattato è obbediente, buono, docile, è sotto il controllo del Genitore interiore.
2) Bambino naturale è spontaneo, allegro, non è controllato dal Genitore interiore.
3) Bambino Adattato positivo, che accetta le regole, collabora
4) Bambino Adattato negativo, che si sottomette alle regole, si compiange e subisce per farsi accettare
5) Bambino Ribelle positivo, che ha spirito d’iniziativa
6) Bambino Ribelle negativo che è sempre contrario per principio
7) Bambino Libero positivo, che si esprime in tutto liberamente, mostrandosi apertamente
8) Bambino Libero negativo che ha paura ad esporsi ed esprimersi, è intimidito e si isola.

Infine, quando mi comporto, penso e sento in modalità che sono una risposta diretta qui ed ora a quello che succede intorno a me, invece che rifarmi alla mia infanzia o a modelli genitoriali interiorizzati, si dice che sono nello Stato dell’Io Adulto. E’ la parte adulta razionale che si occupa di elaborare il legame con la realtà: analizza i dati a sua disposizione ed agisce restando nel presente. L’Adulto esamina la situazione, la valuta e si comporta di conseguenza; il suo modo di valutare ed agire è frutto di un esame razionale degli elementi raccolti dall’analisi della realtà dei fatti. Lo Stato dell’Io Adulto, nella sua funzione positiva vive oggettivamente la realtà, non drammatizza l’errore e decide in base a ciò che è noto; qualora sia contaminato e non ben funzionante trascura le emozioni ed i valori e non si cura dei rapporti interpersonali.

Nella strutturazione della personalità di ciascuno, cosa che inizia sin dai primissimi mesi di vita, può accadere che vengano energizzati maggiormente uno o alcuni dei tre Stati dell’Io a discapito di un loro allineamento armonico e funzionale.

Il disagio spesso è frutto della preponderanza di uno di questi Stati dell’Io ad esclusione degli altri oppure dalla presenza di contaminazioni tra essi. L’utilizzo del Modello degli Stati dell’Io, una volta appreso, consente di aumentare la consapevolezza delle proprie caratteristiche di personalità e, se necessario, di adeguarle alle necessità, con l’intento di promuovere una gestione responsabile e congrua dei propri pensieri, delle proprie emozioni e dei propri comportamenti. Consente inoltre di “leggere” le transazioni sociali, partendo dalla conoscenza delle caratteristiche degli individui interessati, per cui aumenta la capacità di gestire una comunicazione rendendola efficace rispetto agli obiettivi prefissati.

Una personalità sana ed integrata è libera di usare lo Stato dell’Io che ritiene più adatto alla situazione e soprattutto lo fa in modo consapevole, spontaneo, adeguato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *